Purificazione Ayurvedica d'Autunno

Ayurveda e alimentazione

 

L’Ayurveda è probabilmente la scienza più antica di cui abbiamo testimonianza. Devota al benessere olistico dell’essere umano, si basa su più pilastri: uno dei più importanti è sicuramente l’alimentazione, ovvero la sapiente arte di curarsi associando correttamente i cibi più indicati per la specifica costituzione individuale.

 

L'Ayurveda ci insegna che la nostra salute intestinale è il fulcro della nostra salute generale ed è importante imparare a mantenere Agni, il Fuoco Digestivo, forte ed attivo.

 

Agni è composto da acido, bile ed enzimi, e in generale tutte quelle componenti che aiutano a trasformare il cibo in energia utilizzabile. Un buon mantenimento di Agni si traduce in una migliore digestione, una corretta eliminazione e una funzione immunitaria efficiente.

 

 

LE REGOLE D’ORO PER MANTENERE SANO IL NOSTRO AGNI

 


Mangiare ad orari regolari

Combinare i cibi portando attenzione ai Dosha che si vuole equilibrare

Nutrirsi in accordo con i bisogni del corpo nella stagione presente

Evitare l'acqua fredda (che può indebolire il fuoco digestivo)

Evitare gli eccessi di cibo

Evitare di mangiare troppo tardi la sera

 

Image
 

 

Dosha, Rasa, Dhatu e Srota: come mantenere il nostro organismo in armonia

 

In ogni essere umano troviamo presenti i cinque elementi (terra, acqua, fuoco, aria ed etere) secondo una combinazione unica, dei tre Dosha (Energie Corporee): Vata (etere e aria), Pitta (fuoco e acqua) e Kapha (acqua e terra). Questi stessi elementi sono presenti nei cibi, in una stretta correlazione con i sei gusti dell’Ayurveda.

 

Ogni gusto (Rasa) è infatti composto anch’esso da due elementi.

 

  • Il dolce è composto da terra e acqua come il Dosha Kapha.
  • L’acido è fatto di terra e fuoco.
  • Acqua e fuoco si combinano a dar vita al gusto salato e al Dosha Pitta.
  • Fuoco e aria creano invece il gusto pungente.
  • Per formare il gusto amaro, così come il Dosha Vata, sono etere e aria ad unire le forze.
  • Lo stadio finale della digestione è dominato infine dal gusto astringente, che è una combinazione di terra e aria.

 

Image
 

 

 

Secondo l’Ayurveda il corpo è inoltre costituito da sette tipi di tessuti chiamati Dhatu e da canali vitali detti Srota, se uno di questi viene bloccato l'energia si può accumulare, creando degli squilibri.

 

Se durante l'anno abbiamo usato cibi (come zuccheri, alcool, bevande nervine o grassi saturi) che possono portare squilibri all'interno del corpo, diventa utile prendersi un tempo per dare la possibilità all’organismo di riportare l’equilibrio al suo interno.

 

Fondamentali, a questo proposito, i periodi di purificazione, che sostengono l’organismo nell’eliminazione delle tossine (Ama) accumulate a seguito di periodi di stress o dieta non bilanciata.

 

Durante queste purificazioni può essere di grande aiuto assumere cibi tridoshici, che includono tutti i sei sapori, in modo da ricordare all’organismo la giusta armonia a cui tornare.

 

 

Image
 

 

La purificazione di tre giorni a base di Kitchari


Alla Città della Luce abbiamo sperimentato ed ora proponiamo una purificazione ayurvedica della durata di tre giorni, che consiste in una dieta semplificata a base di Kitchari (piatto tradizionale composto da riso basmati, fagioli mung e spezie depurative) associata all’assunzione di tisane, a momenti di meditazione e workshop dedicati alla cura del sé, a pratiche yogiche rilassanti alla possibilità di ricevere trattamenti ayurvedici a supporto del processo di purificazione.

 

Gli effetti benefici di questa purificazione sono molteplici:

 

  • Riportare un senso di calma nel nostro sistema nervoso
  • Favorire chiarezza e radicamento nella sfera emotiva, mentale e spirituale
  • Nutrire la vitalità e l’entusiasmo verso la vita
  • Facilitare il mantenimento del proprio peso ideale
  • Ripristinare e mantenere un corretto ciclo sonno-veglia
  • Promuovere una corretta evacuazione intestinale
  • Preparare i tessuti a un profondo nutrimento e rigenerazione

 

Il nostro corpo ci ama profondamente: dal momento in cui veniamo al mondo, in ogni istante, agisce per sostenere la nostra anima verso la crescita e il servizio a cui è stata chiamata in questa vita. Ci manda segnali per comprendere cosa possiamo cambiare e ci aiuta a guarire attraverso il fisico quello che il cuore vive, permettendoci di apprenderne il significato profondo. Il modo migliore che abbiamo per ringraziarlo è amarlo a nostra volta.

Image
 
“I cibi devono essere gustosi e facili da digerire.

I cibi devono essere assunti in quantità appropriate, né in eccesso, né in difetto.

I cibi devono essere assunti con lo stomaco vuoto, dopo che l'ultimo pasto è stato digerito del tutto, non prima.

I cibi hanno bisogno di essere consumati in ambienti piacevoli e con l'attrezzatura adeguata.

Non si dovrebbe mangiare in fretta.

Mangiare non deve essere un orribile protrarsi degli affari.”

Charaka Samhita, p XXXV.

 

 

Articolo a cura di Padme Chiara StancanelliRati Elisa Cherri, Radha Simona Giuffrida e Darshan Attilio Mercandelli

Share this post

Richiedi Informazioni

Letta l’Informativa Privacy fornita dal Titolare della Privacy: Privacy Policy, acconsento che i miei dati vengano utilizzati per ricevere informazioni che ho richiesto tramite questo modulo.
CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
Target Image

La tua e-mail

Ripeti e-mail


 

 
 

lo shop del benessere

vai al sito macrolibrarsi